Pedinamento con GPS per controllare i dipedenti
19967
post-template-default,single,single-post,postid-19967,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive

Sì al pedinamento con investigatore e gps per promuovere licenziamento

Sì al pedinamento con investigatore e gps per promuovere licenziamento

Pedinamento con gps: da oggi si può. Il datore di lavoro può tracciare i movimenti del dipendente che, durante l’orario di lavoro, si allontana dall’azienda: il gps nell’auto aziendale e l’agenzia investigativa privata sono prove sufficienti per il licenziamento.

Sono sempre di più le aziende che mettono, alle calcagna dei propri dipendenti, agenzie investigative private o installano i gps sulle auto aziendali per tracciarne gli spostamenti in orario di lavoro. Avviene nei confronti del dipendente che, durante il proprio turno, si ferma al bar o alle tavole calde; a quello che, durante la malattia, viene trovato a fare footing per strada o a svolgere altre attività di lavoro; o ancora a quello che, benché assente per i permessi della legge 104, invece svolge altre attività personali o, addirittura, viene trovato la notte in discoteca.

Il GPS sulle auto aziendali è legittimo

È tutto legittimo: a confermarlo è stata più volte la giurisprudenza, anche la stessa Cassazione. Non c’è privacy che tenga, né tantomeno il divieto di controlli a distanza, sancito dallo Statuto dei lavoratori, si può applicare a comportamenti tenuti fuori dall’azienda o, comunque, nei casi in cui il controllo serve per reprimere illeciti ai danni del patrimonio aziendale.

agenzia-investigativa-per-controllo-personale-dipedenti

Pedinamento con gps per controllare i dipedenti

Con la sentenza 20440 del 12 Ottobre 2015, di nuovo la Suprema Corte (sezione lavoro) ha precisato che è legittimo l’uso del gps all’interno dell’automobile aziendale, e le sue risultanze possono essere utilizzate poi in giudizio contro il dipendente, per provarne l’infedeltà e procedere, dunque, al suo licenziamento.
Per quanto concerne, poi, l’utilizzazione, da parte dell’azienda, di investigatori privati per il monitoraggio degli spostamenti del lavoratore, i giudici ritengono che tale utilizzo sia corretto, poiché finalizzato a verificare eventuali comportamenti lesivi del patrimonio e dell’immagine aziendale.

DESIDERI MAGGIORI INFORMAZIONI SUL PEDINAMENTO CON GPS?

Raccontaci il tuo caso: Carpinvest Group opera con massima discrezione e professionalità.



RACCONTACI IL TUO CASO

RICHIEDI CONSULENZA GRATUITA






Ho letto e accetto la politica di privacy