Brand Protection - Carpinvest - Protezione del brand
20313
post-template-default,single,single-post,postid-20313,single-format-standard,ajax_fade,page_not_loaded,,footer_responsive_adv,qode-child-theme-ver-1.0.0,qode-theme-ver-9.2,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.1,vc_responsive

Brand Protection – Intervista su Radio Capital

Brand Protection Online

Brand Protection – Intervista su Radio Capital

Brand protection: la protezione del brand

La nostra intervista su Radio Capital con il programma Start Up condotto da Riccardo Quadrano.

Il più bravo segugio che è diventato un campione se non un pioniere dell’ anticontraffazione soprattutto in campo sportivo. Lui italianissimo, ce lo invidia il mondo, viene da carpi, e si chiama Luca Ascari. Ciao Luca, buongiorno.

L – Buongiorno.

Tu sei il detective perfetto per quanto riguarda i brand falsi, sono molto invidioso di questa tua caratteristica, di questa tua qualità, ma come si acquisisce sul campo?

L – Si acquisisce con tanta esperienza, con un pochino di occhio lungo, con tanto studio, tanto studio da parte dei brand che sono nostri clienti, che ci danno gli strumenti e i trucchi per imparare a riconoscere i prodotti falsi.

Tu fai parte di un’agenzia investigativa, che ha base a Carpi, che è leader in Italia nel settore della contraffazione. Quanti falsi ti capita di individuare?

L – Sono tanti i falsi che ci capita di individuare quotidianamente, su base settimanale, non solo in Italia ma anche all’estero, perché le nostre indagini non si fermano naturalmente al territorio nazionale.

Ti imbatti soprattutto in esperienze nel campo dello sport, dei brand sportivi, è ancora il tipo di contraffazione che tira di più, che frutta di più?

L – Negli ultimi 5/6 anni ci siamo specializzati nel settore della contraffazione in ambito sportivo, lavoriamo oggi per una serie di brand calcistici e nell’ambito del motorsport tra cui anche alcuni team di formula1. Forse non è la principale ma è una di quelle meno conosciute perché di solito il falso viene identificato come i brand di lusso, invece si è spostato negli ultimi anni anche nel settore del merchandising sportivo perché c’è molta richiesta.

C’è molta richiesta anche da parte dei fornitori, del pubblico sportivo che magari preferisce invece comprare il prodotto contraffatto rispetto a quello originale proprio per una questione di costi.

L – Si. In realtà c’è una richiesta del prezzo, non sempre c’è la consapevolezza di acquistare un prodotto contraffatto specialmente quando si acquista online, c’è la ricerca dello sconto.

Qual è l’articolo più curioso contraffatto che ti sia mai capitato di scovare?

L – Questa è una bella domanda, ci sono articoli di qualsiasi genere, diciamo che quando vai a dei concerti e trovi dei perizomi con il nome dell’artista stampato, impresso sull’articolo, ti fa un po sorridere.

Eh abbastanza, questa non ce la aspettavamo francamente. Invece quello più frequente?

L – Quello più frequente in ambito sportivo sono sicuramente le sciarpe e le jersey da gioco, le classiche t-shirt e casacche che vengono indossate dai calciatori.

Quanto si lavora? Quanto bisogna impegnarsi in questo tipo di professione?

L – Si lavora tanto e fondamentalmente si lavora sempre, la remora che mi fa sempre la mia compagna è che io non vado a fare shopping con lei ma che semplicemente sto lavorando, che sto cercando di scovare contraffazioni anche il sabato e la domenica.

Però tu la aiuti tanto in questo senso, sicuramente lei non cadrà in errore sui prodotti, perché ci sei tu vicino.

L – Lei non cade in errore ma sicuramente quando sono in giro con lei mi guarda perché vede che ho l’occhio lungo e che vado a controllare tutti i dettagli più inusuali di un prodotto.

Sei il compagno perfetto per le donne che amano lo shopping, fattelo dire. Grazie per essere stato con noi, buon lavoro.